Oggi in tv, Tutto su mia Madre di Pedro Almodovar – Rai Movie ore 14:10

Condividi

IT000500_artwork

Primo pomeriggio del sabato lontano da Amici di Maria, almeno per un giorno.
Provateci e verrete ripagati.
Su Rai Movie, canale 24, alle ore 14:10 prenderà vita il film che ha segnato la vita di Pedro Almodovar.
Tutto su mia Madre.
Presentato in concorso al 52º Festival di Cannes, il film vinse il premio per la miglior regia, per poi fare incetta di riconoscimenti in tutto il mondo.
1 premio Oscar e 1 Golden Globe come miglior film straniero ma anche due Bafta, 3 Efa, 3 National Board of Review Award, 1 César, 1 David di Donatello, 7 Goya e un unanime consenso che da subito lo tramutò in capolavoro.

Protagonista Manuela, coordinatrice dell’organizzazione nazionale per i trapianti che perde in un incidente stradale il figlio diciassettenne Esteban: era il giorno del compleanno del ragazzo e insieme erano andati a teatro a vedere “Un Tram Chiamato Desiderio”, interpretato dalla nota attrice Huma Rojo. Sconvolta dal dolore Manuela decide di tornare da Madrid a Barcellona per rintracciare il padre del figlio, anche lui di nome Esteban, un travestito che non vede da diciotto anni e che ora si fa chiamare Lola.
Melodramma puro in salsa glbtq, per un film che fece virare l’intera cinematografia del regista spagnolo verso l’alto e quel classicismo da lui per 20 anni visto con orrore, tanto da bissare l’Oscar 3 anni dopo grazie alla sceneggiatura di Parla con Lei. Un trionfo di donne, forti e mai piegate, tra suore e puttane, attrici, madri in lutto e transessuali, infermiere e mogli tradite.
Protagoniste una strepitosa Cecilia Roth, Marisa Paredes, una giovanissima Penelope Cruz, il bravissimo Toni Cantó negli abiti di Esteban, detto Lola, e la superba Antonia San Juan nei panni di Agrado, lei che transessuale non è. Più che un film un’opera d’arte, capace di emozionare ad ogni visione, ad ogni ascolto di quella Tajabone targata Ismael Lô che ancora oggi resta un classico da soundtrack.