Angels in America, Andrew Garfield e Russell Tovey nel revival teatrale

Condividi

russell-tovey-su-instagram

AndrewVman1 Strepitosa opera teatrale di Tony Kushner tredici anni fa diventata meravigliosa miniserie televisiva HBO, Angels in America tornerà nei teatri di Londra con due attori d’eccezione.
Andrew Garfield e Russell Tovey.
L’ex Spiderman sarà Prior Walter, trentenne gay malato di AIDS, che durante tutta l’opera vive l’esperienza di diverse visioni e incontri sovrannaturali, mentre il protagonista di Looking sarà Joe Pitt, avvocato Repubblicano e Mormone che lotta con la sua identità sessuale per tutta l’opera.
Interpretata tra i tanti da star del calibro di Al Pacino, Meryl Streep ed Emma Thompson, la miniserie HBO vinse 11 Emmy e 5 Golden Globes.
Angels in America” mette in scena un gruppetto di “diversi”: ebrei, mormoni, gay, farmacodipendenti nell’America sconvolta dall’Aids, malattia che infatti colpisce due dei protagonisti, e della quale la narrazione segue il decorso in un clima di dibattito politico, ma anche di surreale inventiva. Una delle vittime è un personaggio storico: Roy Cohn, principe del foro e un tempo segretario del senatore McCarthy, visto qui come genio del male, razzista e segretamente omosessuale. Coi vivi circolano liberamente fantasmi del passato, e anche Ethel Rosenberg, martire della caccia alle streghe negli anni Cinquanta, in veste di Erinni, è tra gli angeli che col loro volo spostano questa nuova commedia in dimensioni inattese.
Il testo divenne da subito oggetto di scandalo per la polemica contro l’America di Reagan e degli yuppies, per la difesa delle minoranze, ma soprattutto per avere affrontato il problema dell’Aids.
L’opera teatrale ha vinto due Tony Award nel 1993 e nel 1994, oltre al Premio Pulitzer sezione teatro nel 1993, mentre nel 2003 è stata eletta tra le 5 maggiori opere vincitrici del Tony Award, accanto a Morte di un commesso viaggiatore, Chi ha paura di Virginia Woolf?, Il crogiuolo e Long Day’s Journey Into Night.