Tangerine di Sean Baker direttamente su Netflix Italia

Condividi

tangerine-poster

Presentato oltre un anno fa al Sundance Film Festival, Tangerine di Sean Baker è stato uno dei casi ‘indie’ della passata stagione americana.
Girata con tre smartphone iPhone 5S, la pellicola si svolge nell’arco di un’unica giornata.
E’ la vigilia di Natale, siamo nell’assolata Los Angeles e Sin-Dee è appena uscita di galera dopo aver passato al fresco quasi un mese. Tornata in libertà viene a sapere dalla sua migliore amica Alexandra che il suo ragazzo magnaccia l’ha tradita, nel corso di quei fatidici 28 giorni. Con una donna. Apriti cielo.
Sin-Dee ed Alexandra sono infatti due prostitute trans che battono la strada giorno dopo giorno, sognando chi l’amore e chi una svolta lavorativa di tipo ‘artistico’. Ma tutto cambia dinanzi a quella rivelazione, perché Sin-Dee parte alla ricerca dell’amato traditore e di colei che ha osato mettersi in mezzo a lei e al suo fidanzato, dando così vita ad una travolgente ‘caccia’ che finirà per incrociare l’esistenza di un tassista armeno, con moglie e figlia a casa ma ossessionato dal mondo trans. E dalla bella Sin-Dee.

tangerine-cover

14004_JACKPOT_QUAD_AW.indd

Un colpo di fulmine, puro e semplice. Trascinante e divertente, malinconico e struggente, esagerato e abbagliante, nel mostrarci una Los Angeles abitata da emarginati, devastante e mai così illuminata, Tangerine è un’autentica folgorazione, nonché un punto di svolta tecnologico in ambito cinematografico. Perché si può fare cinema di prima qualità con tre telefonini, come dimostrato da un Sean Baker sceneggiatore, regista, produttore e soprattutto montatore, perché è qui, con il ritmo forsennato ed elettrizzante da lui imposto all’opera, che tutto prende forza. Probabilmente solo con una produzione indie si potevano scegliere due vere transessuali negli abiti delle due protagoniste, Kitana Kiki Rodriguez e Mya Taylor, così trancianti eppure così dolci, nel portare avanti un’amicizia che dinanzi anche alle più impervie vicissitudini e contro ogni apparente pronostico… resiste. Netflix Italia, impossibile perderlo.