Nocturnal Animals, il nuovo film di Tom Ford in sala il 23 novembre

Condividi

1544a49a7692c4e61ccb18734a2756bb_w600_h_mw_mh_cs_cx_cy

La Focus Features ha annunciato l’uscita in sala di Nocturnal Animals, secondo film da regista di Tom Ford interpretato da Jake Gyllenhaal e Amy Adams.
La pellicola uscirà nei cinema d’America il 23 novembre, per poi espandersi nelle settimane successive, ovvero nel cuore della corsa agli Oscar.
Adattamento dello splendido romanzo Tony e Susan di Austin Wright, uscito nel 1993, il film vede poi nel cast Michael Shannon, Aaron Taylor-Johnson, Isla Fisher, Armie Hammer, Ellie Bamber e Laura Linney. Difficile, a questo punto, una premiere mondiale al Festival di Venezia. Purtroppo. Con A Single Man, presentato proprio alla 66ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Colin Firth ha vinto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, un Oscar, un Bafta e un Golden Globe. Questa la trama del romanzo, edito in Italia da Adelphi.

Confessa, lettore. Se un conoscente ti recapita un manoscritto ingiungendoti di leggerlo entro qualche giorno, quando vorrà incontrarti per un responso, cosa provi? Nervosismo? Fastidio? Imbarazzo? Bene, più o meno quello che prova Susan, anche perché il mittente non è una persona qualsiasi, ma il suo ex marito, e il romanzo che le ha spedito è quello che ha fantasticato di scrivere, senza riuscirci, per tutta la durata del loro matrimonio. Quindi mentre tu, lettore, puoi accampare un qualsiasi pretesto che ti impedisce di fare quanto più desidereresti al mondo, cioè leggere quel benedetto manoscritto, Susan deve sedersi, e cominciare da pagina uno. Dove si racconta di una famiglia che torna a casa nella notte, in aperta campagna. Di un sorpasso e di un controsorpasso con una macchina sconosciuta. Di uno scambio di insulti dai finestrini. Di un agguato, qualche chilometro dopo. Di una moglie e una figlia portate via da tre balordi. Di un uomo rimasto solo, che vaga alla loro ricerca in una notte che, come un incubo perfetto, sembra sempre ricominciare daccapo. Allora, lettore? Se alla fine hai ceduto anche tu, se ormai stai leggendo da sopra le spalle di Susan, devi fermarti, come lei. Fare una pausa. Cercare conforto nei suoi pensieri, nel suo sforzo di capire da dove tutto questo abbia avuto inizio. Prima o poi però, insieme a lei, dovrai ricominciare a leggere. Di alcuni fatti muti, semplici, atroci. E di una lenta, feroce, allucinata vendetta…