Midnighter & Apollo, 1° numero con sesso gay contro gli stereotipi per il fumetto DC

Condividi

tumblr_oelann9oq61r7l37eo1_1280

Il primo storico numero di Midnighter & Apollo, fumetto DC interamente dedicato alla coppia di supereroi gay, ha subito fatto breccia nella cultura LGBT.
Pronti, via, scena in cucina mentre si lavano i piatti e i due si lasciano andare ad un’intensa scena di sesso, con sorprendente sorpresa.
Perché Midnighter, apparentemente più ‘mascolino’ rispetto ad Apollo, svolge il ruolo del passivo.
La scorsa notte, nel corso di un panel sulla rappresentazione di razza e sessualità nei fumetti andato in scena durante il Comic Con di New York, Steve Orlando, autore di Midnighter e Apollo, ha difeso questa scelta, solo apparentemente innocua.

tumblr_oelann9oq61r7l37eo1_12801
Perché anche nelle più complesse descrizioni della cultura gay il “passiva“, il biasimo per i maschi che preferiscono il ruolo ricettivo durante il rapporto, è ancora largamente diffuso. Come tutte le forme di omofobia il “vergognati di essere passivo” è legato all’idea che l’essere gay ed il sesso gay siano una roba da femmine e che le cose da femmine valgano meno.
Una fregnaccia, è evidente, in questo fumetto fatta venire alla luce attraverso poche strisce.
Nel mostrare Midnighter come passivo (anche se potrebbe essere benissimo versatile), Midnighter e Apollo invita i propri lettori ad ampliare la propria comprensione sul sesso gay e sull’omosessualità in generale. Perché ci possono essere ragazzi rudi nei modi e sessualmente passivi, così come ragazzi più femminili eppure attivi. Ma niente di tutto questo, e qui cade il punto, può definire la loro mascolinità.

 

tumblr_oel70d3tzb1u9x4iuo1_1280