Moonlight censurato in India (SPOILER)

Condividi

moonlight

Candidato ad 8 premi Oscar e unico vero sfidante  Academy di La La Land, Moonlight, uscito ieri anche nei cinema d’Italia, è andato incontro ad una clamorosa censura in India.
Il Consiglio Centrale di Certificazione Film (CBFC) ha infatti letteralmente tagliato alcune scene dell’acclamata opera di Barry Jenkins, stuprando di fatto l’intera pellicola.
Dalle sale è sparita la fondamentale scena in cui Chirone e Kevin, amici da sempre, si avvicinano dal punto di vista fisico ed erotico, masturbandosi in spiaggia.
Un momento cruciale all’interno della pellicola, senza il quale l’intera crescita del protagonista perde di senso. Tagliata anche una scena di sesso tra Kevin e una ragazza, per una censura che ha fatto sobbalzare le associazioni LGBT indiane.
Moonlight, visto così, è infatti un altro film.
Una riflessione intensa e poetica sull’identità, il senso di appartenenza, la famiglia, l’amicizia e l’amore. Moonlight racconta la vita di un ragazzo di colore, dall’infanzia all’età adulta, che lotta per trovare il suo posto nel mondo, dopo essere cresciuto in un quartiere malfamato alla periferia di Miami.
Una senza tempo sulle relazioni umane e la scoperta del sé, un ritratto vivo e attuale della vita degli afroamericani e un innovativo frammento di cinema che sprigiona compassione e verità universali.
Il protagonista, che vediamo crescere durante la pellicola da bimbo a uomo, non è soltanto nero ma anche omosessuale.
Una doppia ‘piaga’, in una certa America di oggi, trattata con tatto ed eleganza da un regista ai più sconosciuto ed ora pronto al decollo definitivo.