Il Padre d’Italia di Fabio Mollo delude al box office (ma correte a vederlo!)

Condividi

70x100 IL PADRE D'ITALIA

3° titolo LGBT delle ultime settimane nei cinema d’Italia, e 3° incasso tutt’altro che esaltante.
Dopo Moonlight (arrivato alla misera cifra di 1.192.084 euro, ed è il miglior film dell’anno secondo l’Academy) e i 1.213.870 euro di Rosso Istanbul di Ferzan Ozpetek, anche Il Padre d’Italia di Fabio Mollo ha deluso.
Una quarantina di sale a disposizione su tutto il territorio nazionale e un 23esimo posto all’esordio, con 89.304 euro incassati in 5 giorni.
Togliendo il mercoledì a 2 euro e limitandoci al weekend da 4 giorni, 67.850 gli euro raccolti, con una media di 661 euro a sala.
Poco, troppo poco per augurarsi un aumento distributivo.
Ed è un peccato, perché Il padre d’Italia (qui la mia recensione) esplora una tematica quanto mai attuale nel dibattito sociale contemporaneo del Bel Paese, vedi la paternità e la maternità visti al di fuori del contesto ‘famiglia tradizionale’. E allora correte al cinema a vederlo, prima che sia troppo tardi.

  • baldwin

    Corro a vederlo prima che sparisca all’improvviso dalle sale.