Hacker Porno Film Festival 2017, il programma del festival di cinema porno-queer-gay che si terrà al Kino di Roma

Condividi

17342724_625215157677756_3833435334229574367_nPartirà il 26 aprile prossimo nella Capitale, al Kino, l’Hacker Porn Film Festival, progetto nato dall’esigenza di ampliare gli orizzonti di fruizione nel panorama distributivo italiano.
Al centro della missione degli organizzatori, il voler dare valore e visibilità alle produzioni indipendenti che fanno dei corpi, della sessualità e delle transizoni tra i generi, nuovi soggetti d’indagine e ricerca.
POSTPORNO come scrittura in grado di scardinare i generi, le convenzioni linguistiche e il rassicurante cinema di intrattenimento a cui siamo abituati. VIRUS che è in grado di destabilizzare, hackerare, il sistema convenzionale di fruizione.
Film, corti, documentari, underground movie, trash movie, scelti e proposti al fine di stimolare dibattiti e interrogativi, ampliare i nostri confini esperienziali e incentivare una produzione e distribuzione indipendente nel nostro paese.
Hacker Porn Film Festival nasce in collaborazione con BUT FILM FEST, celebre festival underground di Breda, con una selezione di titoli (bizzarre, torture porn, trash) e con il POP PORN FESTIVAL di San Paolo con una retrospettiva di titoli e autori sud americani.​
Focus è la sezione dei lungometraggi sulla produzione cinematografica degli ultimi anni, con una particolare attenzione alle pellicole che sperimentano e adottano il linguaggio del porno in strutture narrative tradizionali, ibridando i linguaggi dei generi e riportando la pornografia sul grande schermo, tra dildo e pop corn.
Spazio poi ai doc internazionali e nazionali sul tema dell’eros, le nuove contaminazioni di genere, la sessualità pornofarmacologica, l’amore pansessuale, le nuove dipendenze chimiche, la lotta alla censura e alla sessuofobia, le nuove lotte ai regimi di oppressione.
Immancabile, infile, la sezione dedicata ai corti nazionali e internazionali per incentivare e diffondere la cultura del porno nella produzione home made ed indipendente, espandendo l’immaginario e le fantasie erotiche oltre i canoni e le etichette prestabilite. Due giurie di esperti sceglieranno il miglior cortometraggio italiano ed internazionale assegnando i due HACKER AWARD.
Programmazione completa al KINO, sala d’essai che si trova al Pigneto, con 5 euro il costo del biglietto singolo e 20 euro il costo di una card da sei spettacoli.
QUI l’intero programma.

​FILM

ABC’S SUPERHEROES di Jens Holzheuer, Oliver Tietgen (BIZARRE, TRASH, FANTASY – germania 2015 – 84′)
CORD di Pablo Gonzalez (FANTASY, HORROR, ROMANCE – COLOMBIA 2015 – 65′)
DARK CIRCUS di julia OSTERTAG (GOTHIC, FETISH – FRANCIA 2016 – 89′)
NOVA DUBAI di Gustavo Vinagre (dRAMA PORNOTERRORISTA – brasile 2015 – 55′)
O ANIMAL SONHADO di A.A.V.V. (episodi – brasile 2015 – 77′)
Porndogs: The Adventures of Sadie di Greg Blatman (PET, COMEDY, TRASH – AUSTRALIA 2009 – 82′)
SNAPSHOT di Shine Louise Houston (queeer, lesbian porn – usa 2015 – 66′)
SEXUAL LABYRINTH DI morgana meyer (PORN – ITALIA 2017 – 68′)
theo & hugo DI Olivier Ducastel, Jacques Martineau (DRAMA – FRANCIA 2016 – 97′)


DOCUMENTARI

BOLLEZZUMME di Michele Capozzi (DOC/URBAN – iTAlia 2016 – 74′ )
CHEMSEX di William Fairman, Max Gogarty (DOC/GAY – inghilterra 2015 – 80′)
AL DI LA’ DELLO SPECCHIO di Cecilia Grasso (DOC – ITAlia 2015 – 54′)
ETRE CHEVAL di Jérôme Clément-Wilz (DOC/FEtiSH – FRAncia 2015 – 63′)
PORNO & LIBERTA’ di carmine amoroso (doc/POLITICAL – italia 2016 – 78′)
inside the chinese closeT DI Sophia Luvara’ (DOC/GAY – italia 2015 – 72′)
PUTTA di Lílian de Alcântara (DOC/TRANS – brasile 2015 – 28′)
SINESTESIA di Valentina Urlira e Christian Di Prinzio (DOC / BDSM – ITALIA 2016 – 40′)