Stasera in tv, Il Vizietto su La7d – ore 21:20

Condividi

260951_locandina_bg

Prima serata cult su La7d, canale 29 del digitale terrestre, grazie a Il Vizietto, capolavoro di Édouard Molinaro del 1978, candidato a 3 premi Oscar e vincitore del Golden Globe come miglior film straniero.
Indimenticabili protagonisti Michel Serrault, negli iconici abiti di Albin Mougeotte/’Zaza Napoli’, e Ugo Tognazzi, in quelli del compagno Renato Baldi.
Quest’ultimo, italiano, vive da vent’anni con il francese Albin, detto Zazà, insieme al quale gestisce, a Saint Tropez, un “night” per travestiti, “La Cage aux Folles”.
I due, che non nascondono la loro omosessualità, vivono come marito e marito. Nel passato dell’italiano, però, c’è stata una brevissima avventura eterosessuale, dalla quale gli è nato un figlio, Laurent. Un bel giorno, il giovane annuncia al padre e a Zazà – che in quei vent’anni gli ha fatto da madre – l’intenzione di sposare Adrienne, figlia di un importante uomo politico, esponente di un partito che si propone di difendere a tutti i costi l’ordine morale. L’annuncio di Laurent, che da Adrienne è stato presentato ai suoi come figlio di un diplomatico, getta lo scompiglio in Renato e Zazà, costretti a spacciarsi – il giorno in cui i genitori di Adrienne vengono a conoscere i futuri suoceri della figlia – per quel che non sono.
La verità verrà egualmente a galla, ma costretto egli stesso a travestirsi da donna per sfuggire ai giornalisti, il padre della ragazza non potrà impedire le sue nozze con Laurent.
Cliché a non finire e risate a profusione, per un titolo che negli anni ’70 rompeva barriere che sembravano insormontabili calcando il piede sulla ‘diversità’ omosex, in grado comunque di essere famiglia.
Due i sequel: Il vizietto II (1980), diretto sempre da Molinaro, e Matrimonio con vizietto (Il vizietto III) (1985), di Georges Lautner, mentre nel 1996 Mike Nichols ha dato vita al remake Usa, Piume di struzzo, con Robin Williams e Nathan Lane stupendi mattatori.