Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino eletto ‘Film della Critica’ dai critici italiani

Condividi

A pochi giorni dall’attesissima uscita nelle sale d’Italia, Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino si è portato a casa un altro riconoscimento, essendo stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani SNCCI. Questa la motivazione:

Un’opera visivamente stupefacente, in grado di evocare il magistero di Renoir e la carnalità contadina di Bertolucci. Un commosso romanzo di formazione che ribadisce il primato della seduzione e del desiderio. Un film sontuoso e intimo, segreto e libero, che afferma la maturità di Guadagnino come autore nel cinema italiano contemporaneo‘.

In odore di Oscar, interpretato da Armie Hammer, Timothée Chalamet, Michael Stuhlbarg, Amira Casar ed Esther Garrel, tratto dall’omonimo romanzo di André Aciman e su Twitter incoronato anche da Paul Thomas Anderson come miglior film dell’anno (ribadendo quanto già affermato da Pedro Almodovar e Xavier Dolan), Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino si presenta oggi con due clip nella nostra lingua.

È l’estate del 1983 nel nord dell’Italia, ed Elio Perlman (Timothée Chalamet), un precoce diciassettenne americano, vive nella villa del XVII° secolo di famiglia passando il tempo a trascrivere e suonare musica classica, leggere, e flirtare con la sua amica Marzia (Esther Garrel). Elio ha un rapporto molto stretto con suo padre (Michael Stuhlbarg), un eminente professore universitario specializzato nella cultura greco-romana, e sua madre Annella (Amira Casar), una traduttrice, che gli danno modo di approfondire la sua cultura in un ambiente che trabocca di delizie naturali. Mentre la sofisticazione e i doni intellettuali di Elio sono paragonabili a quelli di un adulto, permane in lui ancora un senso di innocenza e immaturità, in particolare riguardo alle questioni di cuore. Un giorno arriva Oliver (Armie Hammer), un affascinante studente americano di 24 anni, che il padre di Elio ospita per aiutarlo a completare la sua tesi di dottorato. In un ambiente splendido e soleggiato Elio e Oliver scoprono la bellezza della nascita del desiderio, nel corso di un’estate che cambierà per sempre le loro vite.