29 anni di Xavier Dolan, tanti auguri genio

Condividi

29 anni fa, a Montrèal, veniva alla luce uno dei pochi reali geni cinematografici degli ultimi 20 anni.
Xavier Dolan.
Attore, regista, sceneggiatore, montatore, costumista, produttore cinematografico, scenografo e doppiatore canadese, Dolan ha scritto la recente storia del cinema.
In 10 anni appena, sei pellicole da regista.
J’ai tué ma mère, da lui scritto, diretto, prodotto e interpretato all’età di 19 anni.
Les Amours imaginaires, da lui scritto, prodotto, diretto, interpretato e montato a 20 anni.
Laurence Anyways e il desiderio di una donna, capolavoro da lui scritto, prodotto, montato e diretto a 22 anni.
Tom à la ferme, da lui sceneggiato, diretto, prodotto e interpretato all’età di 23 anni.
Mommy, da lui scritto, diretto, montato e prodotto all’età di 25 anni.
Ed infine, per ora, È solo la fine del mondo, sceneggiato, prodotto e montato all’età di 27 anni.

A Cannes 2018 tornerà certamente con il suo primo film americano, The Death and Life of John F. Donovan, che avrà come protagonisti Kit Harington, Susan Sarandon e Natalie Portman, dopo aver già vinto il Premio della giuria, il Grand Prix Speciale della Giuria ed il Premio della Giuria Ecumenica.
A mancare è quella Palma d’Oro per ora sempre sfuggitagli.
Gay dichiarato, Xavier Dolan ha attinto dalle proprie esperienze per fare un cinema orgogliosamente LGBT, mai scontato e spesso centrato sui rapporti famigliari, che ha rapidamente conquistato critica e pubblico. Autodidatta, si è formato negli anni mentre già faceva meravigliosamente Cinema, rimarcando l’unicità di un talento più unico che raro. Come detto, un genio assoluto.